Per un problema tecnico non sono più visibili le ultime immagini pubblicate nel blog. Ci stiamo impegnando per inserirle di nuovo, partendo dalle più recenti. Ci vorrà del tempo perché purtroppo le foto perse sono circa 2000. Ci scusiamo per l’inconveniente.

27 novembre 2009

Approvato alla Camera il DDL di recepimento Convenzione europea.

Finalmente anche l’Italia si sta allineando col resto d’Europa per quel che riguarda la tutela e la protezione degli animali d’affezione. La Camera ha infatti approvato ieri - pressoché all’unanimità - il disegno di legge che recepisce la Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia. L’ultima parola spetta ora al Senato.

Cosa prevede il disegno di Legge?

- Per chi uccide animali d’affezione: reclusione dai 3 ai 18 mesi. Non sarà più necessario il requisito della crudeltà ma con le nuove regole, potrà essere condannato chiunque cagioni, senza necessità, la morte di un animale.

- Inasprimento delle pene e sanzioni per Maltrattamento: reclusione dai 3 ai 15 mesi e multa da 3.000 a 18.000 euro.

- Stessa pena per chi sottopone l'animale al taglio o all'amputazione della coda ( salvo in alcuni limitati casi che saranno individuati da un regolamento del ministero della Salute) o delle orecchie, alla recisione delle corde vocali, all'asportazione delle unghie o dei denti o ad altri interventi chirurgici non terapeutici e non previsti dal regolamento ministeriale. Gli interventi non terapeutici potranno esser eseguiti da un veterinario e solo per impedire la riproduzione dell'animale, per ragione di medicina veterinaria o comunque nell'interesse dell’animale.

- Previsto il reato di introduzione illecita di animali da compagnia (da 3 mesi a un anno di reclusione; multe da 3mila a 15mila euro). Sanzioni ancora più severe se i hanno meno di 12 settimane o provengono da zone sottoposte a misure restrittive di polizia veterinaria (soprattutto Paesi dell’Est: Ungheria, Slovacchia, Polonia, Romania, Repubblica Ceca).

Condividi

Nessun commento: