Per un problema tecnico non sono più visibili le ultime immagini pubblicate nel blog. Ci stiamo impegnando per inserirle di nuovo, partendo dalle più recenti. Ci vorrà del tempo perché purtroppo le foto perse sono circa 2000. Ci scusiamo per l’inconveniente.

9 settembre 2009

ORDINANZA MARTINI

i Comuni sono tenuti ad assicurare:

a) la microchippatura dei cani e la contestuale iscrizione nell`anagrafe canina a nome del Comune di ritrovamento e la sterilizzazione entro il termine di sessanta giorni e, comunque, sempre prima dell`eventuale trasferimento in altro Comune, avvalendosi del servizio veterinario dell`azienda sanitaria locale competente per territorio o di medici veterinari liberi professionisti convenzionati;
b) evitare lo stress degli animali di affezione dovuto a trasporti su lunga distanza che, comunque, devono essere effettuati nel rispetto del regolamento (CE) 1/2005 e del D.Lgs. 151/2007;
c) il possesso da parte della struttura individuata di requisiti fondamentali e condizioni di mantenimento almeno non inferiori a quelli previsti dalle leggi regionali e dei regolamenti attuativi del territorio di provenienza dei cani;
d) il possesso da parte della struttura individuata dell`autorizzazione sanitaria e la presenza di un medico veterinario libero professionista come responsabile sanitario;
e) la struttura individuata per il mantenimento dei cani, inclusi eventuali moduli contigui alla struttura, non deve avere una capacità superiore o superare le duecento unità di animali.
Altre significative misure a tutela della condizione canina prescritte dall’ordinanza 16 luglio 2009 sono:
f) la capacità di restituzione dell`animale al proprietario che ne faccia richiesta, prevedendo la precisa indicazione delle procedure e delle modalità per assicurare tale restituzione;
g) la struttura individuata per il mantenimento dei cani deve prevedere l`accesso e la presenza delle associazioni riconosciute in conformità alla vigente normativa regionale, onlus o enti morali aventi come finalità la protezione degli animali, al fine di favorire l`adozione dei cani;
h) garantire attività che aumentino l`adottabilità dei cani e l`apertura al pubblico della struttura almeno tre giorni a settimana, di cui uno festivo o prefestivo, per almeno quattro ore al giorno.
L`orario di apertura al pubblico deve essere comunicato all`azienda sanitaria locale competente per il territorio di ritrovamento e di arrivo degli animali e deve essere esposto in modo ben visibile tramite apposita cartellonistica all`ingresso della struttura;
i) implementazione di ulteriori iniziative utili a incentivare l`adozione dei cani anche attraverso l`affissione presso l`albo pretorio e altri spazi pubblici o apposite pagine sul proprio sito Internet.
L’ordinanza 16 luglio prevede, infine, alcuni obblighi ed oneri a carico dei Comuni che, in sede di bando di gara o di convenzione per la selezione della struttura di custodia e gestione dei cani randagi e di valutazione delle offerte economiche presentate dai concorrenti devono contemplare principi di prelazione a favore delle strutture che:
- comportino minimi spostamenti degli animali, preferendo ove possibile strutture sul proprio territorio provinciale o regionale;
- si avvalgano di servizi prestati da associazioni riconosciute in conformità alla vigente normativa regionale, onlus o enti morali aventi come finalità la protezione degli animali;
- siano gestite da associazioni riconosciute in conformità alla vigente normativa regionale, onlus o enti morali aventi come finalità la protezione degli animali.
In ogni caso, conclude il provvedimento, il Sindaco del Comune rimane responsabile dei cani prelevati sul proprio territorio e collocati in strutture site in altri Comuni ed in altre Regioni di provenienza e, pertanto, deve:
a) informare del trasferimento dei cani il servizio veterinario dell`azienda sanitaria locale competente per territorio della struttura individuata;
b) effettuare verifiche periodiche sullo stato di salute e benessere dei propri animali non meno di una volta l`anno;
c) dare comunicazione dei risultati ottenuti e dello stato di salute e benessere degli animali al Consiglio comunale anche nel Rendiconto della gestione.
A sua volta, il servizio veterinario dell`azienda sanitaria locale competente per territorio sulla struttura individuata resta comunque responsabile della vigilanza sulla struttura stessa, sulle condizioni igienico sanitarie e di benessere degli animali e sulle azioni di prevenzione e di profilassi effettuate.
Al Prefetto spetta, invece, il compito di esercita potere di vigilanza sull`applicazione dell’ordinanza e la facoltà di esercitare potere sostitutivo nei confronti dei Comuni inadempienti.

Condividi

Nessun commento: