12 settembre 2018

cambiamenti tesseramento 2019

avviso_importante-820x802AVVISO IMPORTANTE PER I NOSTRI SOCI CHE INTENDONO RINNOVARE LA QUOTA ASSOCIATIVA O ISCRIVERSI PER LA PRIMA VOLTA ALL’ENPA CASENTINO:
In base alle nuove normative, abbiamo bisogno del consenso al trattamento dei dati e del vostro codice fiscale. Vi preghiamo pertanto, soprattutto se intendete versare la quota tramite bonifico bancario, di contattarci (su Fb, oppure via mail: casentino@enpa.org o chiamandoci al 3475421554 ) e ci accorderemo per farvi avere il modulo da compilare e firmare.
Grazie mille

Condividi

7 settembre 2018

CANILE SANITARIO

IL CANILE SANITARIO è il luogo di prima accoglienza, costituito da  10 box. Quando arriva un nuovo cane, trovato vagante nel territorio casentinese, viene sistemato presso il canile sanitario,  controllato e visitato dal veterinario. Se è dotato di microchip o tatuaggio non è difficile risalire al proprietario, che, con tutta probabilità, l’ha smarrito. Se invece non ha elementi identificativi e nessuno si presenta per riaverlo, è chiaro che si tratta -purtroppo- di abbandono. Così, dopo 60 giorni di permanenza nel canile sanitario, viene  trasferito nel “canile Rifugio”.
 
   ULTIMI ARRIVATI AL CANILE SANITARIO
   ABBANDONATI O SMARRITI?
 
Nel caso in cui  i proprietari non si facciano avanti  i cani che vedete in foto verranno dati in adozione. Venite a trovarli, siamo aperti sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 12 (Per visite infra settimanali contattateci). Per informazioni potete contattarci per telefono al numero 347.5421554, per email: casentino@enpa.org o su Facebook.
Per la restituzione: I proprietari  devono contattare la LA POLIZIA MUNICIPALE:
POLIZIA MUNICIPALE DI BIBBIENA                          0575 530660
POLIZIA MUNICIPALE DI PRATOVECCHIO-STIA    0575/503870 - 335/1427510
POLIZIA MUNICIPALE DI CAPOLONA                       0575 421316
POLIZIA MUNICIPALE DI SUBBIANO                        0575 421726
PER GLI ALTRI COMUNI DEL CASENTINO:
POLIZIA MUNICIPALE UNIONE DEI COMUNI 0575. 50 77 77

CANI PRESENTI AL CANILE SANITARIO:
TROVATO A STRADA IN CASENTINO IL 4.9.2018

f7a98447-6e3d-4486-9289-6eeaebcc4b5d

PEPE- TROVATO A BIBBIENA

DSC_0183
MANDORLA – TROVATA A CHIUSI DELLA VERNA

1
CICERO - CUCCIOLO DI MAREMMANO TROVATO A SAN DONATO (PRATOVECCHIO)
6b2e836d-0b97-4d62-af12-40d0237bff61

                                        CAMILLA - TROVATA A CAPOLONA                                                 

IMG_4381

Condividi

TROVATO A STRADA IN CASENTINO (AR)

Condividi

4 settembre 2018

ATTILA E’ STATO ADOTTATO

LIETO FINE

DSC_0307 aEva è una donna forte e tenace, dotata di una sensibilità profonda mascherata da un portamento quasi austero. Da qualche tempo si è unita al nostro gruppo. Durante un turno in canile ci siamo ritrovate a parlare dei cani che soffrono particolarmente la reclusione.

Attila era uno di loro. Oltre ad affogare nel cibo solitudine e frustrazione, era solito dilaniare le assi della cuccia e tutto ciò che gli capitasse a tiro. Nessuna barriera, a meno che non fosse di ferro, resisteva ai suoi attacchi. Il giorno dopo la sterilizzazione (effettuata nella speranza di limitare la sua esuberanza) riuscì a sfondare la porta dell’infermeria con morsi e zampate. E menomale che era ancora convalescente! Ricordavamo, tra il sorriso e la preoccupazione, come accogliesse tutti con entusiasmo eccessivo, braccandoli alle spalle ed esibendosi in trenini degni del carnevale di Rio. Dominanza? stress? iper eccitazione dopo ore di inattività? Un po’ di tutto. Fatto sta che ritrovarsi addosso un molosso di 50 kg non è troppo piacevole. Buono, mai aggressivo, fondamentalmente recettivo di fronte ai nostri tentativi di scoraggiare i comportamenti scorretti, ma…tanto, tanto impegnativo.

E con gli altri cani come si comportava? Non ci eravamo mai azzardati a far prove di socializzazione: nonostante non avesse mai mostrato aggressività, la prudenza aveva sempre avuto la meglio e così Attila era sempre uscito da solo, senza un compagno con cui condividere le scorribande nel bosco e i momenti di libertà.

Eva ascoltava in silenzio. Improvvisamente la sua voce decisa risuonò, come amplificata dall’effetto emotivo che ebbe su di noi: “ ...allora lo prendo io”!

La guardammo come se fosse un’aliena! Felici, felicissimi ma incapaci di tenere a freno fantasie apocalittiche: porte divelte, recinti abbattuti in 4 nanosecondi, zuffe con l’altro cane di casa (maschio, per giunta!), gatti inseguiti ed acciuffati.

Ma Eva, ancora una volta, si mostrava sicura ed ottimista: “Andrà bene”, ci disse con quella pacatezza disarmante che non ammette repliche.

Oggi siamo qui a scrivere di lui con le lacrime agli occhi.

Attila è un cane nuovo. Si è lasciato alle spalle intemperanze e tristezze, frustrazione e noia.

E’ sereno, allegro, calmo ed ubbidiente.

Ha trovato in Taiga, l’altro cane di Eva, un compagno da imitare e con cui condividere tutto ciò che del mondo non ha mai conosciuto. Perché Attila è entrato in canile da cucciolone ed è uscito dopo cinque lunghi anni.

Eva è la sua guida dolce ed autorevole, capace di contenerlo, di motivarlo. E lui l’adora.

Anche noi l’adoriamo. Perché, oltre che generosa, è stata tenace. Non ha mollato mai.

I primi giorni di convivenza avrebbero fatto desistere la maggior parte dei migliori benintenzionati ma non la nostra Eva, che ci raccontava sorridendo i piccoli, grandi disastri di Attila senza mai perdere le sue certezze granitiche. E aveva ragione.

Nessuna porta, nessun recinto sono riusciti a fermarlo. Ma l’amore sì.

Grazie Attila, per esserti fermato.

Grazie Eva per aver creduto in lui.

5ba910c1-c675-426d-b8d6-8198416f636c

IMG_53003a60533b-a635-4df1-bffd-750fcd9057668e981e88-ae47-4b65-bd7a-cb03d592565d992dc2bf-5e69-4b52-b14b-e7f7d747d38a4561ca98-7a41-43e9-a00d-b3150e8b3c9884396749-bf24-4e0b-a9f1-fe8139c42302f571c7f0-0d93-46b4-9c27-bb14561347d5213c054d-5228-4bc3-9cdb-8ec41cf180c3

Condividi